Navigazione veloce

Storia

Il Caterina da Siena è ormai da cento anni un istituto scolastico inserito nel contesto sociale e culturale della città.

In un edificio imponente, che al solo vederlo ti fa immaginare una storia non banale, è oggi ospitato l’Istituto Professionale per la grafica pubblicitaria e la moda. 

All’inizio del ‘900 è sorto per ospitare i corsi di scuola elementare per i bambini del nuovo quartiere operaio di Viale Lombardia. La scuola è stata occasione non solo di diffusione dei primi rudimenti del sapere secondo i programmi scolastici dell’epoca, ma anche luogo di coesione sociale, dotandosi di spazi e percorsi formativi innovativi per il tempo. 
Così è stato sino alla seconda guerra mondiale, quando i suoi insegnanti e direttori hanno alimentato i valori della libertà e della democrazia attraverso le esperienze e le attività di lavoro nei laboratori che ospitavano già percorsi per l’avviamento al lavoro e corsi universitari. 

La vita scolastica nel secondo dopoguerra vede l’istituto molto rinnovato; la diffusione e l’obbligatorietà dell’istruzione postelementare modifica la destinazione dell’edificio: da scuola elementare e d’avviamento a scuola tecnica superiore sviluppando quelle vocazioni che erano da decenni presenti nelle attività didattiche. L’attenzione al lavoro non viene mai disgiunta dall’esigenza di conoscere e di approfondire le materie di studio. Si sviluppano i corsi di economia domestica e di moda; i corsi per accompagnatrici turistiche o operatrici d’azienda, ma anche per operatrici degli uffici di architettura ed arredatrici d’interno fino ai corsi per addette alla pubblicità . Negli anni della ricostruzione, vengono interpretate quelle esigenze della società di allora che davano spazio alla intelligenza creativa ed alla manualità che sono le vacazioni del Caterina.

Si è sempre dato spazio a quella cultura del lavoro che considera la persona, elemento imprescindibile: mettere in gioco la libertà creativa alimentata dalla conoscenza, dall’esperienza e dalla manualità è stato, è e sarà  il valore dominante del Caterina. 

In questi ultimi anni l’istituto, nell’interpretare il suo ruolo nel tessuto sociale cittadino, nel rivedere l’offerta formativa alla luce del nuovo assetto organizzativo della scuola superiore, ha ritrovato sintesi nella mission che si è data: 

 

Una cultura che immagini, non solo una cultura delle immagini”

è la “mission” che sintetizza l’intera offerta formativa nei settori della Moda e della Grafica, i due volti del nostro progetto di scuola i quali, integrandosi, offrono ai nostri alunni uno sguardo acuto verso un futuro da inventare.

Il futuro che il Caterina persegue con ambizione non è dissimile dal ruolo avuto nel passato: scuola d’innovazione didattico-organizzativa, scuola di comunicazione con forte legame con le aziende di settore, con le Università e le Istituzioni.