Navigazione veloce

Rappresentanza sindacale


In questa pagina descriviamo in termini generali la Rappresentanza sindacale e ne descriviamo composizione e funzioni. Dal menu contestuale alla destra della pagina potete accedere alle informazioni specifiche sulla Rappresentanza sindacale del nostro istituto.


Rappresentanza sindacale unitaria

La Rappresentanza sindacale unitaria (RSU) è un organismo sindacale che esiste in ogni luogo di lavoro pubblico e privato, è costituita da non meno di tre persone elette da tutti i lavoratori iscritti e non iscritti al sindacato.

La norma fondamentale di riferimento è l’Accordo collettivo quadro per la costituzione delle Rappresentanza sindacali unitarie per il personale dei comparti delle pubbliche amministrazioni e per la definizione del relativo Regolamento elettorale, del 7 agosto 1998. La RSU è eletta dai lavoratori e dura in carica tre anni. 

I poteri e le competenze contrattuali nei luoghi di lavoro sono esercitati dalle RSU e dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatarie del relativo CCNL (contratto collettivo nazionale di lavoro) di comparto.

La RSU agisce come organismo unitario e tutela i lavoratori collettivamente, controllando l’applicazione del contratto o trasformando in una vertenza un particolare problema. Può anche farsi carico di una prima tutela individuale, cercando di risolvere il contrasto del lavoratore con il datore di lavoro, per passare, eventualmente, la tutela alla struttura sindacale.

Rappresentanza sindacale aziendale

La Rappresentanza sindacale aziendale (RSA) — l’insieme dei delegati sindacali — è un organo di rappresentanza dei sindacati presenti nel luogo di lavoro, più precisamente nell’unità produttiva, aderenti alle organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti collettivi di lavoro applicati nell’unità produttiva stessa. La relativa costituzione e disciplinata dall’art. 19 della Legge del 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori) e dagli accordi di settore.

Rappresente dei lavoratori per la sicurezza

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) è la persona eletta dai lavoratori o designata dalla rappresentanza sindacale per rappresentare i lavoratori sugli aspetti che concernono la salute e la sicurezza sul lavoro.

È una figura resa obbligatoria in tutti i luoghi di lavoro dal Decreto legislativo 626/94, (la materia della sicurezza sul lavoro è attualmente regolata dal Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 e da una serie di disposizioni che aggiornano la normativa raccogliendola nel Testo unico sulla sicurezza). La legge e il CCNL (art. 71) attribuiscono al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza compiti e funzioni di seguito delineati.

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza deve essere preventivamente consultato riguardo alla valutazione dei rischi; accede ai luoghi di lavoro; dà un parere sulla scelta degli addetti al servizio di prevenzione, all’attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei lavoratori; deve essere consultato in merito all’organizzazione della formazione e sulla designazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) e degli addetti in materia di lotta antincendio e primo soccorso.

Provvede alla ricezione delle informazioni e dei documenti aziendali sulla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative; provvede a promuovere, elaborare, individuare e attuare le misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l’integrità fisica dei lavoratori; può ricorrere alle autorità competenti (ASL, Direzione provinciale del lavoro e Autorità giudiziaria) se ritiene che le misure di protezione e prevenzione dai rischi adottate dal datore di lavoro non siano idonee.

Il datore di lavoro non può impedire al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di svolgere le sue funzioni durante l’orario lavorativo e non può detrarre denaro dalla sua retribuzione ordinaria per il tempo dedicato a ricoprire questo ruolo.

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza gode delle stesse tutele previste dalla legge per la rappresentanza sindacale (RSU e RSA).