Navigazione veloce

Amministrazione digitale

Attuazione del Codice dell’amministrazione digitale (fonte Agenzia per l’Italia digitale)

Le pubbliche amministrazioni italiane hanno un punto di riferimento primario nel Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), per trasformare le potenzialità dell’innovazione tecnologica in maggiore efficienza, efficacia e soddisfazione dei cittadini e delle imprese. Grazie al Codice dell’amministrazione digitale è possibile attuare quel processo di digitalizzazione delle attività amministrative che costituisce il presupposto per una reale modernizzazione degli Enti pubblici. Tale processo richiede una estesa adozione del documento informatico, oltre che degli strumenti necessari per gestirlo.

Un corretto ed efficace uso di tali strumenti comincia sin dalla fase di acquisizione di servizi e attrezzature, per la quale l’Agenzia per l’Italia digitale mette a disposizione il proprio know-how, mediante la formulazione di pareri sui contratti stipulati dalle pubbliche amministrazionicentrali, il monitoraggio dei piani ICT e la pubblicazione di linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT, valide per tutte le pubbliche amministrazioni, centrali e locali.

Gruppi di lavoro istituiti dall’Agenzia per l’Italia digitale per l’attuazione del CAD e documentazione prodotta.

L’Agenzia per l’Italia digitale ha istituito dei Gruppi di lavoro per la definizione delle regole tecniche e linee guida relative ai seguenti argomenti:

Formazione del documento informatico, sistema di conservazione, gestione dei flussi documentali

Il 5 agosto 2011 è stata pubblicata la bozza delle regole tecniche in materia di documento informatico, gestione documentale e sistema di conservazione dei documenti informatici per l’avvio della fase di consultazione pubblica che si è conclusa in data 10 settembre 2011.
L’esame dei commenti e contributi ricevuti, di cui si ringraziano i partecipanti, hanno portato alla stesura di una versione aggiornata della bozza di regole tecniche che sarà definitiva solo a seguito della conclusione dell’iter legislativo con la pubblicazione su Gazzetta Ufficiale.

Si riporta di seguito la versione aggiornata della bozza del provvedimento con i relativi allegati:

Identità digitali

Accesso ai dati delle pubbliche amministrazioni

Continuità operativa e infrastrutture critiche nella pubbliche amministraizioni

Firma digitale

L’iter per l’emanazione delle regole tecniche prosegue. Dopo il passaggio alla Conferenza Unificata e al Garante per la protezione dei dati personali, il provvedimento è stato notificato alla Commissione europea che farà pervenire eventuali commenti entro il 14 maggio 2012.

Ricordando che la versione definitiva sarà esclusivamente quella pubblicata su Gazzetta Ufficiale, si rende disponibile il testo notificato:

Documentazione